Sito in evidenza

Case di lusso
LuxuryEstate.it e' la risorsa ideale per chi cerca immobili di pregio in tutto il mondo: residenze di prestigio, ville...


  

Mutui

Quello che succede nel mondo e nella società si rispecchia sul mercato immobiliare e influenza le tendenze che caratterizzano il mondo del mattone in un dato momento storico. Adesso sembra proprio che il cambio delle abitudini dei giovani per divertirsi siano mutate e, con loro, anche i locali che ospitano il tempo libero degli italiani.
Fino agli anni ’90 le discoteche erano il tipico divertimento da sabato sera, ma oggi difficilmente si andrà a ballare in questi enormi capannoni illuminati da sfere specchiate. E se le mode passano…gli immobili restano e non sono nemmeno da trascurare. Essendo molto grandi spesso rappresentano un costo molto ingente per i proprietari che, se non ne traggono più profitto, tentano ovviamente di venderli proponendoli come possibili depositi, parcheggi, supermercati e alberghi.
Immobiliare.it, il portale leader per gli annunci immobiliari in Italia, ha reso noto che tra le sue pagine di immobili commerciali indicati come discoteche ve ne sono moltissimi e in ogni parte del Paese. Alcune hanno costi davvero esorbitanti, come l’ex Zoe di Milano, tempio del metal e del rock in Italia, oppure una ex discoteca abbandonata a Ostuni che adesso è una delle mete più note del Salento. Per queste le richieste superano il milione di euro.
Per altre bastano poche centinaia di migliaia di euro, viste le condizioni di totale abbandono in cui versano. Ma dalle immagini si intravedono segni del passato: palle stroboscopiche ancora appese al soffitto o banconi da DJ rimasti in piedi nel dissesto. In immobili così grandi potrebbero nascere idee interessanti, quelle che poi saranno il divertimento delle prossime generazioni. Staremo a vedere…

La casa non è più un ottimo investimento: almeno questo è quello che sembrano pensare gli italiani al giorno d’oggi. Troppe imposte, troppe scadenze e poca possibilità di rendita fanno sì che gli immobili sono ormai molto poco appetibili agli occhi dei pochi che hanno qualche gruzzoletto da investire. Piuttosto meglio impiegare i propri risparmi in libretti postali, titoli di Stato oppure obbligazioni.

Questa visione così negativa della casa come investimento è stata fotografata dall’ultimo studio Acri-Ipsos che, dal 2001, indaga sulle tendenze dei consumi in Italia e sul sentimento degli italiani verso alcune forme di investimento. Per la casa è il risultato peggiore di sempre quello che ha registrato questo monitoraggio: se nel 2006 il 70% degli italiani indicava un immobile come forma ideale di investimento, oggi la percentuale è crollata al 24%.

Cosciente di questo, lo Stato sta cercando in tutti i modi di rimettere in moto il mercato immobiliare e l’edilizia. Proprio nella giornata di ieri il Governo ha incontrato l’Associazione Nazionale degli 8.000 comuni italiani (ANCI) e ha dato ampie speranze alla richiesta di abolire tutte le “micro” imposte che i cittadini versano alle casse delle amministrazioni locali, per arrivare a un’unica local tax. In questa, stando a quanto si sono dette le due parti, rientreranno anche Imu e Tasi che saranno riunite in un’unica imposta sulla casa e, probabilmente, anche la Tari. Ovvio che semplificare non vorrà dire né eliminare le differenze di imponibile tra prime e seconde case, né tanto meno ridurrà i casi in cui sarà possibile detrarre parte del dovuto.

Tempo di spending review per tutti, pure per la Rai e anche per i suoi immobili storici. Con la bozza della legge di Stabilità si è appreso che lo Stato ha deciso di accelerare i tempi di vendita di queste “zavorre” per la tv nazionale già in crisi e, se il disegno verrà approvato così com’è, la vendita potrà essere eseguita anche a favore di fondi di investimenti immobiliari.

Ed è proprio quest’ultimo dettaglio che fa pensare alla volontà di velocizzare i tempi di dismissione, considerando anche i conti in rosso dell’azienda. Sommando le sedi storiche e le varie sedi regionali si arriva a costituire un patrimonio immobiliare mastodontico: si parla di 660 mila metri quadrati di proprietà della televisione nazionale e di altri 90 mila in affitto. Di questi edifici la metà circa si trova a Roma, mentre tra Milano, Napoli e Torino se ne concentra un terzo. Il resto è formato dalle sedi che ospitano le redazioni regionali e quindi sparse su tutto il territorio nazionale.

Chissà che tempi dobbiamo aspettarci per la dismissione e se la Rai avrà mai il coraggio di un passo così epico. E ancora…chi avrà le risorse per diventare proprietario di sedi illustri, piene di storia (e non solo televisiva)? Quando si parla di sedi Rai, infatti, non basta pensare alla sede di Via Mazzini a Roma, ma anche a quella di Venezia, forse la più prestigiosa di tutte con vista sul Canal Grande e sale affrescate dal Tiepolo. A queste si uniscono via Teulada, sempre nella Capitale e Palazzo Labia.

Se in Italia, come ci siamo detti più volte, le imprese edili risentono forse più di chiunque altro del peso della crisi economica, all’estero le nostre aziende si fanno onore e le commesse che provengono da altri Paesi fanno ben sperare quanto meno per la loro sopravvivenza. L’ultima analisi di Ance, fatta con il Ministero degli Esteri, dimostra che dall’estero, l’Italia ha raccolto 17 miliardi in commesse per lavori edilizi.

Questo indica che per il nono anno di seguito siamo di fronte a una crescita (+8,6%). Dal 2004 allo scorso 2013 siamo passati da una raccolta di 3 miliardi a ben 9,5 miliardi di euro. Vuol dire che oltre la metà, il 60% per la precisione, dei ricavati delle nostre imprese edili arriva dal di fuori dei nostri confini nazionali.

Ance e il Ministero degli Esteri, che hanno presentato questi dati in un incontro ad hoc organizzato per gli addetti a questo settore, si sono detti molto soddisfatti dei risultati delle imprese italiane nei Paesi del G20, ossia quelli che da sempre risultano più impenetrabili e competitivi. Da questi Stati abbiamo portato in Italia ben 8 miliardi in più, segnando una crescita del 46%.

Ma in cosa sono specializzate le aziende italiane e per cosa vengono chiamate oltre confine? Le nostre imprese si sono da sempre distinte nel campo delle infrastrutture, vale a dire autostrade e reti ferroviarie. Ma, negli ultimi anni, si sono dimostrate valide, da lì la crescita di cui stiamo parlando, anche per la costruzione di strutture sanitarie, di impianti di energia pulita, di alberghi e centri di ricerca.

otc allergy medicine nexium walmart cialis nabp tadalista review cialis alternatives over the counter nexium otc price tadalista otc cialis alternative cialis nabp pharmacy tadalista 20